Videus, insieme ad altri partner, sta dando vita ad una scuola laboratorio per la produzione cinematografica e non solo.

 

Mini corso di produzione e regia

Il giorno 8  Marzo proponiamo alle seguenti figure che abbiano un minimo di esperienza o desiderano capire il funzionamento di una produzione, l'opportunità di un corso di una giornata (circa 6-8 ore) per la produzione di un corto (cortissimo) scritti da Carlo Sortino: "Ho vinto una Fiat 124 spider", sceneggiatura tratte da un fotoromanzo. Verrà girato nel luganese in diverse location. Punto di ritrovo il Garage Ciccone a Davesco.

Le figure che possono partecipare:

  • attori o aspiranti tali (per capire come funziona il set)
  • giovani registi o direttori della fotografia che vogliono mettersi alla prova in una produzione
  • fonici, macchinisti ed altre figure tecniche
  • aspiranti direttori di produzione o aiuto registi

Non ci sono limiti di età. La giornata prevede una formazione continua, sul campo, per capire tutte le logiche di ripresa, l'uso delle camere e degli obiettivi, le luci, i microfoni e successivamente il montaggio. 

I partecipanti saranno citati con il loro ruolo nei titoli di coda e potranno usare il corto (che sarà in libera circolazione) nel proprio show reel. 

Prezzo previsto 100 fr per un giorno che comprendono la quota associativa a VIDEUS come socio simpatizzante. I soci VIDEUS in regola con la quota associativa pagheranno solo 50 fr..

E' compreso un piccolo pasto a pranzo. Per iscrizioni e dettagli compilare il modulo di contatto o telefonare al Presidente 0041799223675.

NUMERO CHIUSO: max 5 persone

 

Scuola Laboratorio Produttivo Cinematografico

"Per cambiare il mondo dobbiamo lavorare con persone che abbiamo passioni comuni e competenze diverse" di Filosofo del Cinema

Scuola-laboratorio: il modello

Rispetto ad un percorso formativo tradizionale, che si basa su lezioni frontali ed eventualmente attività pratiche, secondo un percorso formativo lineare e strutturato, la scuola laboratorio  fonda il processo formativo attraverso l’apprendimento dell’  “imparare facendo” ovvero nell’acquisire le nozioni teoriche sommariamente prima dell’inizio del lavoro e poi di perfezionarle vie via durante la produzione e le attività progettuali e realizzative di un progetto concreto per un committente reale o comunque per un obiettivo prefissato. Sono gli studenti, al di fuori del momento didattico, che approfondiscono i testi ed i contenuti teorici e poi li confrontano con i docenti delle rispettive discipline, ma sempre sul campo. Questo apprendimento pur avendo maggiore discontinuità e frammentarietà teorica rispetto alla formazione frontale tradizionale, ha il vantaggio di portare a risultati tangibili e ad un maggior contatto con la realtà produttiva della professione in un tempo più breve e con costi molto ridotti. Per acquisire le competenze necessarie a girare un cortometraggio completo in tutti i suoi aspetti, il modulo formativo minimo è di circa 120 ore. Un modulo formativo equivalente, secondo il modello della scuola laboratorio, è di circa 64 ore. Su percorsi formativi più lunghi la differenza è di tre volte di meno. Naturalmente la scuola laboratorio si sposa perfettamente con studenti che abbiano già della basi, appassionati o semi-professionisti, dilettanti o esperti con lacune su singoli aspetti: è questo il terreno fertile dove la scuola laboratorio dà il meglio. E’ naturale che una persona “vergine” e da formare da zero necessita del necessario e doveroso percorso formativo tradizionale, tuttavia potrà trarre una positiva ed ottima esperienza da una giornata o da un percorso di laboratorio perché potrà capire i meccanismi, trovare la professione che la attira di più e mettersi alla prova praticamente.